MMM Art

Art Circle

 Sheri01Sheri02Sheri03Sheri04Sheri05Sheri06Sheri07Sheri08Sheri09Sheri10

Sherie Afrooz Ahmadi

Sheri Amadi è un’artista americana di origini persiane, residente da un decennio circa in Umbria, centro Italia, sua terra d’adozione. Nata a Theheran, in Iran, nel 1968, dopo essersi diplomata al corso di pittura figurativa dell’Accademia d’Arte di New York a NY City , Ahmadi prosegue i suoi studi in Italia approfondendo ulteriormente la pittura figurativa a Roma e Firenze a stretto contatto con artisti e con restauratori di dipinti antichi dai quali apprende le sofisticate tecniche della pittura antica e del suo restauro. Di notevole interesse per lei è lo studio dei corpi in movimento con particolare attenzione a quello dei cavalli  come anche le“suggestive”  vedute paesaggistiche della sua terra adottiva, compiute mediante lo studio approfondito della  luce della tradizione macchiaiola toscana. La pittura appassionata di Amadi lascia oggi intravedere il risultato di un ventennio di ricerca di pratica figurativa e di gestualità espressionista. Le opere di Sheri Amadi  sono recentemente apparse nello spazio a lei dedicato in un reportage della Televisione Italiana, e sono state esposte in una serie di mostre personali e collettive presso molte gallerie del centro Italia, fra cui “Galleria 500” e “GalleriaSignorelli” di Cortona, Toscana. Importanti collezioni private internazionali  annoverano i suoi quadri fra cui ricordiamo la collezione al Marriott Hotel in Florida, quella al Rapunzel Inc. di Legau, Germania, alla Vodafone Inc. di Malta, e alla Fonte Cesia Hotels in Umbria, Italia. Nella sua carriera  Sheri Amadi ha ottenuto una serie di importanti riconoscimenti e premi ai concorsi pittorici a cui ha partecipato ed ha frequentato molti corsi di pittura “ En plein air”. Cresciuta nella baia di San Francisco, spinta dal desiderio di conoscere i luoghi sacri dell’arte, Sheri Amadi ha viaggiato attraverso l’Europa ed ha vissuto a Bordeaux in Francia, prima di trasferirsi definitivamente a Todi, in Italia dove vive e lavora.Sheri Ahmadi sviluppa nella sua ricerca una decisa tensione evolutiva verso approdi che, già oggi, sono visibili dentro una pittura nella quale incidono moltissimi stimoli, derivati dalla realtà circostante. La sua poetica, anche se si basa su un marcato slancio narrativo, parte da presupposti di convergenza tra il mondo interiore e l’universo fisico; così i tormenti dell’esistenza, le emozioni provate a contatto con la contemporaneità, gli stati d’animo scaturiti dall’incontro con le vicende del quotidiano entrano in un circuito di sensibilità, fatta confluire poi in una figurazione che assume alcuni motivi classici (come per esempio il cavallo), generosi di sfumature simboliche. È così che nella pittura si affermano colori fortemente contrastati a dare ulteriore carica emblematica alla composizione. Nella modalità espressiva di Sheri Ahmadi giocano due forze antagoniste che prendono alternativamente il dominio l’una sull’altra secondo la tematica trattata nell’opera: da una parte l’idea di un fondo fortemente rilevato da un materismo, che viene lavorato con cura dalla pittrice, fino a scarnificare la superficie con un aspetto graffiato, capace di imbrigliare il colore e farlo lievitare verso le gradazioni progettate. E poi la levità della figura che si accampa nella centralità dell’opera – elemento della natura oppure scena di vita dinamica -, emerge in primo piano come una sorta di simulacro che si attesta fino al limite di una leggibilità appena accennata.

Evropska unija

Projekt je pripravljen s finančno pomočjo Evropske unije v okviru programa Phare CBC Slovenija/Italija 2003

©